ext_84794: Kate Todd (sherlock)
[identity profile] domaris68.livejournal.com posting in [community profile] speakingofdreams
Recentemente mi sono innamorata di questa nuova serie della BBC in cui il famoso investigatore inventato da Arthur Conan Doyle è stato modernizzato e vive e agisce nella Londra dei nostri giorni. Sfortunatamente fino ad ora sono stati prodotti solo tre episodi di 90 minuti e dovremo aspettare un anno prima di vederne altri. Nell'attesa ecco una breve coda al primo episodio: A Study in Pink.


Titolo: Forse
Genere: malinconico
Rating: per tutti
Spoilers: A Study in Pink
Personaggi: Sherlock Holmes
N. parole: 421


Dedicato come sempre alla mia preziosa beta

Sei un idiota. Queste erano state le parole di John Watson quando aveva negato di essere stato tentato di prendere quella capsula, convincendolo più che mai che il dottore aveva il potenziale per diventare più di un semplice coinquilino.
Ovviamente se ne era reso conto molto prima, quando la reazione di Watson durante il primo incontro era stata più di curiosità che di ripulsa. Ancora meglio quando, un brillio di eccitazione negli occhi, lo aveva seguito sulla scena del crimine.
Sherlock lo aveva messo alla prova coinvolgendolo nelle indagini senza preoccuparsi di mitigare i propri modi. Preferiva far scappare subito i potenziali coinquilini piuttosto che tentare di abituarsi a loro e poi doverne cercare di nuovi quando cedevano sotto la costante pressione di vivere accanto ad un genio come lui.
John Watson in poche ore aveva tenuto testa a Mycroft, qualcosa che talvolta riusciva difficile persino a lui, aveva dimenticato di zoppicare correndo per le strade di Londra senza mai restare troppo indietro, aveva, seppur erroneamente, cercato di difenderlo davanti a Lestrade, si era preoccupato di seguire le sue tracce, chiamare la polizia e infine aveva infranto la legge, uccidendo il tassista, per salvarlo da quella che considerava la sua idiozia. Rimarchevole, erano anni che nessuno si preoccupava in questo modo per lui.

Sei un idiota. La voce di un giovane con i capelli scuri e l'accento straniero rimpiazzò quella del dottor Watson ricordandogli il suo primo ed unico amico. Un esperimento di chimica fallito e il preside aveva spedito Sherlock a dare ripetizioni ad un nuovo alunno. Compito e ribelle, coraggioso e timido allo stesso tempo, il ragazzo e la sua famiglia lo avevano incuriosito a tal punto da spingerlo a frequentarne la casa anche dopo che le ripetizioni erano finite. Non era mai riuscito a scoprire nulla di rimarchevole sul padre anche se era sicuro che l'ambasciatore nascondesse segreti paragonabili solo a quelli di suo fratello ma il ragazzino si era insinuato nella sua vita fino a diventare il suo fedele compagno di avventure. Almeno fino a quando non era riuscito ad ottenere quello che aveva sempre desiderato: tornare a vivere nel suo paese natale.
C'era stato un abbraccio impacciato, la promessa di restare in contatto e il giovane era partito per la sua nuova vita. Troverai un nuovo amico. Qualcuno che sopporterà le tue manie e sarà pronto a seguirti e, occasionalmente, a salvarti da te stesso.
Sherlock tirò fuori di tasca il cellulare e, con un mezzo sorriso sulle labbra, digitò un messaggio.
Forse l'ho trovato, SH.

Fine

3 novembre 2010

From:
Anonymous( )Anonymous This account has disabled anonymous posting.
OpenID( )OpenID You can comment on this post while signed in with an account from many other sites, once you have confirmed your email address. Sign in using OpenID.
User
Account name:
Password:
If you don't have an account you can create one now.
Subject:
HTML doesn't work in the subject.

Message:

 
Notice: This account is set to log the IP addresses of everyone who comments.
Links will be displayed as unclickable URLs to help prevent spam.

Profile

speakingofdreams: (Default)
Speaking of Dreams

March 2017

S M T W T F S
   1234
567891011
12131415161718
19202122232425
262728293031 

Style Credit

Expand Cut Tags

No cut tags
Page generated Sep. 24th, 2017 12:19 pm
Powered by Dreamwidth Studios